Lo Curto (UDC) al sindaco di Trapani: “No al protagonismo fine a se stesso”

Lunedì prossimo, 14 gennaio, alle 17, a Palazzo D’Alì, sede del Comune di Trapani, il sindaco Giacomo Tranchida ha convocato i colleghi della provincia per fare il punto sulla situazione dell’aeroporto di Birgi (ma anche sulle scuole di competenza provinciale).

A tal proposito, Eleonora Lo Curto, capogruppo UDC all’Assemblea Regionale Siciliana, ha affermato di comprendere “che il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, voglia assumere iniziative e coinvolgere i suoi colleghi a propositodei problemi legati all’aeroporto di Birgi e alle questioni che sono di competenza della ex provincia, ma le sue affermazioni sulla politica regionale che giudica distante dai problemi del territorio sono inaccettabili e superficiali. Si leggono piuttosto come espressioni ascrivibili all’eccesso di protagonismo, talvolta fine a se stesso, con cui Tranchida interpreta il suo ruolo. Voglio rassicurare i cittadini del nostro territorio e lo stesso Tranchida che il governo Musumeci non è nè distante nè disattento ai problemi di questa provincia, lavora al progetto di sviluppo di questo territorio accogliendo le proposte che certamente per quanto mi riguarda ho sostenuto e sostengo nella qualità di presidente del gruppo parlamentare Udc sia per l’aeroporto che per le scuole e le strade della provincia”.

La deputata regionale ha aggiunto che “così come per tutte quelle tematiche per le quali ritengo di dovermi occupatre in rappresentanza dei legittimi interessi dei cittadini di questa provincia. Portano la mia firma due emendamenti alla finanziaria, in esame al’Ars, che destinano oltre 12milioni di euro per le ex province, di cui uno di oltre 2 milioni di euro ad esclusivo beneficio delle scuole del secondo ciclo del trapanese. Oltre ovviamente alle risorse che il Governo ha già allocato allo scopo di venire incontro alle esigenze rappresentate dai commissari dei Liberi consorzi auditi in Commissione bilancio prima di iniziare l’iter della finanziaria. Farebbe bene Tranchida a ricordare che il partito nel quale ha sempre militato e nel quale si è candidato alle ultime competizioni regionali è quel partito che ha sottoscritto lo scellerato prelievo forzoso a danno delle ex province per contribuire alla finanza pubblica nazionale, e non ricordo a quel tempo di aver mai registrato una sua critica”.

“Fa bene il sindaco di Trapani – ha proseguito la Lo Curto – a puntare il dito contro il governo gialloverde che ha abbandonato la Sicilia dopo averne saccheggiato il consenso, ma dovrebbe e potrebbe più e meglio dialogare con la politica regionale che pur non avendo necessità di input esterni è pronta a recepire, ove arrivassero, suggerimenti e proposte. Avrò cura di comunicare, dopo l’approvazione di bilancio e finanziaria regionali, tutti i miei provvedimenti e le misure a favore del territorio trapanese. Di sicuro ci sono e ci saranno misure sulla viabilità e per il pagamento dei fitti passivi. E nessuno dei 4870 alunni delle scuole trapanesi farà un solo giorno di doppio turno. Altresì saranno garantite le risorse per utilizzare gli oltre 100 milioni di euro di investimenti a cui il libero consorzio di Trapani sta lavorando”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI