Giuseppe Lupo

Lupo (Pd): “Non c’è maggioranza. Musumeci si dimetta e convochi le elezioni”

“Il presidente Musumeci prenda atto che senza una maggioranza non si può governare la Sicilia, si dimetta e convochi le elezioni”. Non ha dubbi il capogruppo Pd all’Ars, Giuseppe Lupo, al termine di una burrascosa seduta sul disegno di legge di riforma dei rifiuti che ha visto la maggioranza soccombere con il voto segreto sull’articolo 1.

“E’ vergognoso che il governo si sia rifiutato di rispondere in aula alle richieste di chiarimento dei deputati su chi dovrà pagare i due miliardi di debiti accumulati dai vecchi Ambiti Territoriali Ottimali in liquidazione. La verità è – ha aggiunto Lupo – che con questo disegno di legge il governo Musumeci scarica i debiti sui comuni mandandoli in dissesto e facendo pagare il conto ai siciliani”.

“Noi abbiamo votato contro l’articolo 1, così come avevamo largamente anticipato perché non tiene conto delle nuove direttive europee che riguardano l’economia circolare, ma non mi sorprende che alcuni deputati della maggioranza abbiano responsabilmente votato contro la riforma ascoltando la voce dei sindaci e dei cittadini. La verità è che la proposta del governo è una finta riforma ‘gattopardesca’, fa finta di cambiare tutto per non cambiare nulla”.

Duro anche Claudio Fava, più volte citato al presidente Musumeci nello sfogo successivo alla bocciatura: “Il governo regionale ha scelto la strada dello scontro in aula ed oggi esce sconfitto grazie alla propria debolezza mista a supponenza. La verità è che il disegno di legge sulla governance dei rifiuti era confusionario e inadeguato, come dimostra la lunga teoria di emendamenti presentati dallo stesso esecutivo, e soprattutto non affronta nessuno dei temi strutturali sul tema della gestione dei rifiuti. Davanti alla manifesta mancanza di tenuta della sua maggioranza, Musumeci, invece di interrogarsi sui propri errori, pensa di inveire contro le opposizioni, le stesse che da settimane chiedevano di poter affrontare una discussione in Commissione, che proprio il governo ha impedito”.

Per Fava “chi brinda e ringrazia sono i padroni delle discariche private, in assenza di un piano sui rifiuti che con il disegno di legge presentato dal governo non c’entra un fico secco”. “Da due anni il governo non ha la forza né la maggioranza per portare in aula un vero piano e intanto autorizza 1,8 milioni di metri cubi in più alle discariche dei Leonardi e proroga di dieci anni la concessione all’Oikos. I soliti noti fuori dall’Assemblea regionale brindano al governo Musumeci e alla sua inettitudine”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI