Mafia a Bagheria, tre arresti per il pestaggio punitivo di un uomo che sfidò il ‘boss’

Altri tre arresti arrivano dall’operazione Persefone, che sta colpendo la mafia di Bagheria. Il provvedimento è legato al pestaggio di Fabio Tripoli, anche lui finito in manette nel blitz di 4 giorni fa, il quale aveva messo in discussione l’autorità del boss del paese.

I Carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip su richiesta della Dda palermitana, nei confronti di tre uomini accusati di lesioni personali aggravate dal metodo mafioso. Si tratta di di Nicolò Cannata, 25 anni, Emanuele D’Apolito, 28 anni, Ivan Salerno, 30 anni.

L’attività d’indagine ha permesso di ricostruire, nel dettaglio, il grave pestaggio dello scorso agosto di Fabio Tripoli, un giovane che aveva contestato pubblicamente il nuovo capo della famiglia Massimiliano Ficano. Tripoli era stato selvaggiamente picchiato da persone armate di ‘cazzottiere’.

Il giovane infatti, aveva fatto sapere di volere dare fuoco a un locale da poco inaugurato da Massimiliano Ficano, ritenuto reggente della famiglia mafiosa di Bagheria, e si era anche armato di un’accetta, sequestrata dai militari durante la perquisizione nel corso dei fermi di lunedì. L’aver messo pubblicamente in discussione l’autorità criminale di Ficano ha portato a deliberare e pianificarne l’omicidio.

GREEN PASS OBBLIGATORIO PER TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI 

ARS, INCENDI: LA POSIZIONE DI LUPO E CRACOLICI (PD)

COVID IN SICILIA, SEGNALI DI MIGLIORAMENTO MA TANTI OVER 50 SENZA VACCINO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI