Mafia, a Noto sequestrati beni per tre milioni di euro al referente del clan Trigila

La Guardia di Finanza del comando provinciale di Catania ha sequestrato beni per tre milioni di euro a Domenico Waldker Albergo, considerato il referente del clan Trigila, operante a Noto e in provincia di Siracusa. Si tratta di attività commerciali, beni immobili e disponibilità finanziarie riconducibili all’esponente del clan mafioso.

Le indagini hanno consentito di accertare che Albergo, poiché gravato da numerosi precedenti penali e con la finalità di eludere la normativa in materia di prevenzione antimafia, ha intestato a familiari e conviventi diverse attività commerciali e beni immobili acquisiti nel tempo in modo sproporzionato rispetto al profilo reddituale.

Il tribunale di Siracusa ha sequestrato quattro esercizi commerciali attivi nel settore dei bar e della ristorazione, tutti avente sede a Noto, tre fabbricati, un appezzamento di terreno, disponibilità finanziarie.

COVID, RAZZA: “VACCINO SOLO A CHI È PRENOTATO”

BUROCRAZIA E MANCANZA DI CULTURA DELLA RESPONSABILITÀ, LI CALZI: “FRENO ALLO SVILUPPO”

COVID IN SICILIA, PRIMO CASO DI VARIANTE NIGERIANA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI