Mafia, Antonello Nicosia condannato a 16 anni e 8 mesi di reclusione

Antonello Nicosia (ex esponente dei Radicali Italiani) è stato condannato dai giudici del tribunale di Palermo a 16 anni e 8 mesi per associazione mafiosa e falso. La Procura (rappresentata dal pm Gery Ferrara) aveva chiesto 20 anni. Paolo e Luigi Ciaccio, accusati di favoreggiamento, sono stati condannati a 2 anni e 4 mesi.

Secondo gli inquirenti, Nicosia (sfruttando i suoi rapporti con la deputata Giusy Occhionero, che gli aveva fatto un contratto da collaboratore parlamentare) sarebbe entrato e uscito liberamente dalle carceri incontrando boss detenuti e portando all’esterno i loro messaggi. L’uomo venne fermato dalla Dda di Palermo a novembre del 2019.

Occhionero è sotto processo separatamente con l’accusa di falso. Avrebbe fatto passare Nicosia, allora conosciuto solo telefonicamente, per suo assistente, consentendogli di entrare con lei nelle carceri senza autorizzazione. Grazie al rapporto con Occhionero, Nicosia ha incontrato boss detenuti al 41 bis.

RAZZA INFORMO’ MUSUMECI: “PALERMO DEVE DIVENTARE ROSSA”. MA…

SCANDALO COVID IN SICILIA, LE INTERCETTAZIONI DI RAZZA

MUSUMECI: “FIDUCIA IN RAZZA E NELLA MAGISTRATURA”

“DATI FALSI SUL COVID IN SICILIA”: INDAGATO RAZZA, TRE ARRESTI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI