Mafia, blitz nel Siracusano contro il clan Trigila: eseguite 13 misure cautelari / NOMI

Il gip del Tribunale di Catania ha firmato le misure cautelari nei confronti di tredici persone, appartenenti al clan Trigila, un’organizzazione criminale mafiosa che opera tra Noto, Avola, Pachino e Rosolini, nel Siracusano.

Secondo i magistrati, il clan, avvalendosi della forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo, ha “assicurato una posizione dominante nei comparti del trasporto su gomma di prodotti orto-frutticoli, della produzione di pedane e imballaggi e della produzione e commercio di prodotti caseari, influendo e alterando le regole della concorrenza”.

All’operazione, denominata “Robin Hood“, partecipano Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, coordinati dai magistrati della Procura distrettuale antimafia di Catania. Vanno in carcere Rosario Agosta, 48 anni; Nunziatina Bianca, 64 anni, Marcello Boscarino, 46 anni; Giuseppe Caruso, 67 anni, detto “u caliddu”;  Giuseppe Crispino, 43 anni, già in carcere; Francesco De Grande, 62 anni; Emanuele Eroe, 38 anni; Angelo Monaco, 26 anni; Salvatore Porzio, 36 anni; Angela Trigila, 45 anni; Antonio Giuseppe Trigila “Pinuccio Pinnintula”, 70 anni, già in carcere; Giuseppe Trigila, 47 anni, e Giuseppe Trigila, 43 anni.

PALERMO, TERREMOTO AL COMUNE: SI DIMETTE L’ASSESSORE MATTINA

MUSUMECI: “VIA ALLA VACCINAZIONE DI MASSA NEI PICCOLI COMUNI MONTANI”

COVID IN SICILIA, VICARI IN “ZONA ROSSA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI