Mafia, confisca di beni per 7 milioni a un imprenditore di Barcellona Pozzo di Gotto

La Direzione Investigativa Antimafia ha confiscato beni per sette milioni di euro a un imprenditore edile di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina. L’uomo è stato condannato, nel processo “Gotha VII”, per estorsione aggravata per aver agevolato l’associazione mafiosa. Alcuni collaboratori di giustizia lo hanno indicato come interno al gruppo mafioso dei “barcellonesi”.

Dalle indagini è emerso che le ingenti disponibilità economiche e patrimoniali dell’imprenditore non erano giustificate da fonti lecite di guadagno. Secondo gli inquirenti, l’uomo reinvestiva i proventi delle estorsioni.

L’ingente patrimonio è costituito da due imprese edili del Messinese, 21 immobili tra la provincia di Messina e Crotone, 9 auto e un motociclo e rapporti finanziari il cui valore complessivo è stimato in oltre 7 milioni di euro.

ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN SICILIA, SINDACI ELETTI E COMUNI AL BALLOTTAGGIO

ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN SICILIA, L’AFFLUENZA DEFINITIVA È DEL 56,66%

ELEZIONI AMMINISTRATIVE: I RISULTATI DEL VOTO NEI 42 COMUNI SICILIANI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI