Mafia, confiscati beni per 300 mila euro a un esponente di Cosa nostra nel Messinese

La Guardia di Finanza di Messina ha confiscato beni per oltre 300.000 euro a un noto esponente di Cosa nostra di Barcellona Pozzo di Gotto.

Come accertato nei processi di mafia “Mare Nostrum” e “Gotha 7”, avrebbe mantenuto inalterato, nel tempo, il proprio potere criminale, tanto da conservare i contatti con altri sodali interni o comunque vicini alla “famiglia”. Numerosi collaboratori di giustizia hanno confermato come “partecipasse attivamente alla pianificazione delle diverse attività illecite, destinando gli introiti al gruppo mafioso di partenenza”, anche “a dispetto dell’età e delle condizioni di salute”. Per i Giudici della prevenzione l’uomo è “connotato da rilevante ‘pericolosità qualificata’“.

Oggetto di confisca sono quattro unità immobiliari e un appezzamento di terreno coltivato ad agrumeto, tutti a Barcellona Pozzo di Gotto.

CATANIA, DROGA DA ALBANIA E OLANDA: 12 ARRESTI E MAXI SEQUESTRO DA 5 MILIONI DI EURO

COVID IN SICILIA, AUMENTANO I NUOVI POSITIVI (+35%) E I RICOVERI: I DATI SETTIMANALI

COVID, STRETTA SUI TRASPORTI: ECCO LE NUOVE REGOLE PER BUS, METRO, TRENI E TAXI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI