Mafia, confiscati beni per 500 mila euro a due fratelli imprenditori di Favara

La Dia di Agrigento su disposizione della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, ha eseguito la confisca di beni – stimati in 500 mila euro – a carico di due imprenditori edili di Favara: i fratelli Stefano e Gerlando Valenti.

“Gli imprenditori – scrive la Dia – sono stati arrestati nell’ambito di un’operazione antimafia del 2018 poiché indagati per associazione di tipo mafioso. Le mirate attività info-investigative hanno dimostrato l’elevato grado di partecipazione raggiunto dagli stessi imprenditori in seno alla malavita organizzata”. Entrambi sono stati condannati a 6 e mesi 8 di reclusione nel processo scaturito dall’operazione «Montagna».

L’attività ha portato a un provvedimento di sequestro e poi alla confisca ovvero alla definitiva acquisizione da parte dello Stato. Per entrambi, inoltre, è stata disposta la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con l’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza. I giudici che hanno deciso la confisca hanno restituito parte del patrimonio acquisito nella fase del sequestro. La confisca ha riguardato 5 fabbricati; 11 autocarri, rimorchi e autoveicoli; quote di capitale sociale di due società; numerosi conti correnti, fondi comuni di investimento e titoli e un cavallo di razza.

CRISI ENERGETICA, A RISCHIO LA PRODUZIONE DI PANE ARTIGIANALE. “SERVONO INTERVENTI URGENTI”

PALERMO, INCENDIATO UN AUTOCARRO DI UN’IMPRESA EDILE: IPOTESI INTIMIDAZIONE

DE LUCA: “LE MINACCE DI RUGGERINO RAZZA LE INZUPPIAMO NEL LATTE A COLAZIONE”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI