Mafia di Agrigento, confermate in Cassazione le condanne per 12 esponenti

Sono diventate definitive le condanne per il processo stralcio relativo all’inchiesta Icaro riguardante un’organizzazione mafiosa dell’agrigentino vicina al super latitante Matteo Messina Denaro. La Cassazione oggi ha rigettato i ricorsi della difesa.

Fra i condannati anche Pietro Campo, 67 anni, di Santa Margherita Belice, ritenuto “esponente di vertice dell’organizzazione criminale nel territorio”. A suo carico è stata confermata la pena di 14 anni di reclusione in continuazione con una precedente sentenza.

L’operazione della squadra Mobile risale al dicembre del 2015, ci furono decine di arresti nell’ambito delle famiglie mafiose di Agrigento che si erano riorganizzate attorno alla figura carismatica di Pietro Campo che qualche tempo prima si era segretamente incontrato con Messina Denaro come testimoniato anche da una relazione riservata dei Ros.

Oltre a Pietro Campo, le condanne sono diventate definitive anche per il presunto capo della famiglia mafiosa di Agrigento Antonino Iacono, (14 anni e 8 mesi di reclusione); per Francesco Messina, cugino del padre del boss Gerlandino Messina, che è stato condannato a 14 anni e 8 mesi con l’accusa di essere stato il nuovo capo della cosca di Porto Empedocle.

Nella lista anche Francesco Capizzi detto “il milanese”, di Porto Empedocle (10 anni); Francesco Tarantino detto “Paolo”, di Agrigento (10 anni); Mauro Capizzi di Ribera (10 anni e 8 mesi); Santo Interrante, di Santa Margherita Belice (10 anni); Giacomo La Sala, di Santa Margherita Belice (10 anni e 4 mesi); Rocco D’Aloisio, di Sambuca di Sicilia (10 anni); Tommaso Baroncelli, di Santa Margherita Belice (8 anni e 8 mesi).

Confermata la condanna d’appello a 9 anni (era dieci in primo grado) per Diego Grassadonia, di Cianciana, essendo stata esclusa l’aggravante di essere stato un capo promotore; confermati anche i 9 anni in appello decisi per per Giuseppe Lo Pilato, di Giardina Gallotti, frazione di Agrigento che era stato assolto in primo grado.

CORONAVIRUS: I DATI DELLA SICILIA DEL 13 OTTOBRE

LA RIBELLIONE AL PIZZO E LA MAFIA CHE “ARRANCA”: SEGNALI DI SVOLTA

NOVANTA MILIONI PER RIQUALIFICARE IL CENTRO STORICO DI PALERMO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI