Palazzo di Giustizia: Tribunale di Palermo

Mafia e scommesse online, 16 condanne e 9 assoluzioni: 18 anni a Bacchi

I giudici della quarta sezione del tribunale di Palermo hanno emesso la sentenza di primo grado del processo nato dall’inchiesta “Game over” sui presunti collegamenti tra mafia e scommesse online. Complessivamente sono 16 le condanne e 9 le assoluzioni. La sentenza è arrivata nella notte, al termine di una camera di consiglio durata più di 12 ore. Riconosciuta una provvisionale alle parti civili.

Spicca la condanna a 18 anni dell’imprenditore Benedetto Antonio Bacchi, che aveva creato nel corso degli anni una catena di sale scommesse ormai diffusa in tutta Italia (circa 700 sale): i pm lo accusano di aver goduto di un “appoggio” della criminalità per portare avanti la propria attività nelle sale scommesse; lui si è sempre professato innocente e vittima di mafia (lui stesso ha detto di non aver mai denunciato per paura di ritorsioni).

Sedici persone erano state invece giudicate con rito abbreviato nel 2019 (imputate a vario titolo, di mafia, estorsione, riciclaggio, traffico di droga e concorso in associazione mafiosa): le condanne in quell’occasione andarono da un minimo di 10 mesi a un massimo di 16 anni, inflitta inflitta al boss Francesco Nania.

INCHIESTA SUI BILANCI A PALERMO, LO SFOGO: “MANCANO UN SACCO DI SOLDI”

ACIREALE, 6 MISURE CAUTELARI PER LA SPARATORIA ALLA PRIMA COMUNIONE

L’ALLERTA METEO PROSEGUE: ALLARME “ROSSO” IN SICILIA ORIENTALE, ARANCIONE NELLE ALTRE PROVINCE

IL QUADRO COMPLETO DEI SINDACI ELETTI AL BALLOTTAGGIO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI