Mafia, estorsione aggravata a un imprenditore nel Catanese: quattro arresti

I Carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di quattro persone. Sono accusate di concorso in estorsione aggravata anche dal “metodo mafioso”.

L’indagine ha consentito di riscontrare una estorsione condotta mediante minacce derivanti dall’appartenenza al clan mafioso di Giovanni Rapisarda, 64 anni, appartenente alla famiglia di cosa nostra etnea “Santapaola Ercolano” e detenuto all’ergastolo per un omicidio di un noto imprenditore catanese commesso nel 1993 – che sarebbe stata operata attraverso i suoi figli e la moglie.

L’uomo avrebbe impartito le disposizioni dal carcere attraverso i colloqui con i suoi familiari o lettere dal tono intimidatorio indirizzate alla vittima, gestore di una ditta di Belpasso operante nel settore dell’estrazione e lavorazione di pietra lavica al quale veniva richiesta, sin dal 2012, una cifra complessiva di 1.700.000 euro.

PALERMO, IL 23 MAGGIO DEI CANDIDATI SINDACO: LAGALLA SCEGLIE DI NON ANDARE

ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI CAPACI, ECCO COME CAMBIA LA VIABILITÀ A PALERMO

23 MAGGIO, 30 ANNI DOPO: PALERMO NON DIMENTICA FALCONE E LE ALTRE VITTIME DI MAFIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI