Mafia, estorsioni e usura nel palermitano: blitz dei carabinieri, sette arresti

Sono 7 le persone arrestate dai carabinieri in un blitz eseguito dai militari del Ros in sinergia con il Comando provinciale di Palermo. I 7 soggetti – per cui è stata disposta la custodia cautelare in carcere – sono accusati a vario titolo di usura ed estorsione (tentate e consumate), aggravate dal metodo mafioso. Eseguite anche svariate perquisizioni

Le indagini (coordinate dalla Dda di Palermo) mettono nel mirino le attività del mandamento mafioso palermitano di Villagrazia – Santa Maria di Gesù e alla cosca di Monreale. A denunciare è stato un imprenditore che ha affermato di essere caduto in mano agli usurai sin dal 2011.

L’operazione del Ros (denominata Breccia) scaturisce anche dall’operazione Brasca del 2016, nel corso della quale erano state indagate 62 persone accusate a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, illecita detenzione di armi, ricettazione, danneggiamento, incendio e fittizia intestazione di beni, aggravati dalle finalità mafiose.

A commentare la notizia del blitz il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: “Esprimo un sentito apprezzamento alla Magistratura e ai Carabinieri che ancora una volta hanno dimostrato come sia fondamentale non abbassare la guardia contro i fenomeni di estorsione e usura. L’operazione è l’ulteriore conferma dell’importanza della denuncia contro ogni tipo di fenomeno estorsivo e della presenza delle istituzioni sul territorio contro le infiltrazioni mafiose nell’economia legale”.

RAVANUSA, TROVATI ALTRI 4 CORPI TRA LE MACERIE

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 12 DICEMBRE 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 12 DICEMBRE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI