Mafia, trovato morto sui binari il boss Totò Di Gangi: era stato scarcerato da poco

Il boss di Sciacca Salvatore “Totò” Di Gangi (considerato fedelissimo di Totò Riina) è stato trovato morto nella notte sui binari della linea ferroviaria a Genova. Sarebbe stato travolto da un treno merci: la procura di Genova indaga contro ignoti ipotizzando il reato di omicidio colposo.

Di Gangi aveva recentemente lasciato il carcere di Asti su disposizione della corte d’appello di Palermo: una perizia attestava per Di Gangi (condannato a 17 anni di reclusione) deficit cognitivi. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Di Ganci era sceso alla stazione Genova Principe, ma poi si è incamminato in una galleria ferroviaria dove è stato investito. Con sé aveva un biglietto del treno con destinazione una città del Sud.

Il nome di Di Gangi (catturato nel 2018 nell’ambito dell’operazione “Montagna”) era recentemente tornato alla ribalta – nell’ottobre 2021 – per l’inchiesta sul resort “Torre Macauda”, che sarebbe tornato nel mirino della mafia dopo essere stato confiscato già una volta.

VARIANTE OMICRON, SILERI: “ERA SOLO QUESTIONE DI TEMPO”

VARIANTE OMICRON: ISRAELE CHIUDE LE FRONTIERE

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 27 NOVEMBRE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI