regione la giunta decide la rotazione di cinque dirigenti generali e non è finita

Maltempo, ok dalla Regione allo stato di calamità per una trentina di comuni siciliani

Per gli eventi legati al maltempo che ha colpito la Sicilia tra il 22 e il 24 febbraio, la Regione siciliana dichiara lo stato di calamità naturale e ha chiesto a Roma la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale. Il maltempo ha provocato danni in almeno una trentina di comuni di sette diverse province, soprattutto a causa delle forti raffiche di vento e degli allagamenti.

I centri interessati dalla richiesta del provvedimento sono: Capo d’Orlando e le isole Eolie (Lipari, Alicudi, Filicudi e Panarea), nel Messinese; Catania e Acireale, nella provincia etnea; Acate, Comiso, Vittoria, Santa Croce Camerina, Ispica, Pozzallo, Ragusa, Modica, Scicli, Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo, Giarratana, in provincia di Ragusa; Siracusa Augusta, Avola, Canicattini Bagni, Noto, Pachino, Portopalo di Capo Passero, Palazzolo Acreide, nel Siracusano; Villafranca Sicula, in provincia di Agrigento; Paceco, nel Trapanese; Palermo.”

Le relazioni tecniche redatte dal dipartimento della Protezione civile regionale, intervenuta per le prime operazioni di assistenza, hanno documentato i danni alle infrastrutture portuali, soprattutto nell’arcipelago eoliano, dove le intense mareggiate hanno impedito i collegamenti marittimi. Conseguenze si sono verificate anche sulla viabilità urbana ed extraurbana dove numerosi pali delle linee elettriche e telefoniche crollati sulle strade, con conseguente interruzione del servizio e della percorribilità delle arterie.

Gravi ripercussioni subite anche nel comparto agricolo a causa della distruzione di serre, danni alle strutture commerciali, ricettive e turistiche presenti sulla fascia costiera, nonché ad abitazioni private.

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI