Mancuso (FI): “Non consegneremo la Sicilia a chi la ritiene una succursale del Nord”

Michele Mancuso, deputato regionale di Forza Italia, appoggia la provocazione lanciata da Gianfranco Miccichè sull’ipotesi di dare vita a un nuovo partito del Sud.

“Va intesa come atto d’amore sia per il Presidente Berlusconi che per tutto il Sud, su cui gravano i venti del sovranismo e del populismo esasperato. Noi però non staremo fermi, aspettando di consegnare la Sicilia a chi ritiene il Sud una succursale periferica del Nord. Mobiliteremo il territorio e non per fare selfie o altre buffonate da circo. Ma per dare risposte concrete al disagio infrastrutturale e occupazionale”.

Mancuso è durissimo nei confronti del deputato dell’Udc Figuccia che ieri aveva “chiesto” a Miccichè di dimettersi pure… dalla Sicilia. “Per qualche secondo di elemosinata visibilità, Figuccia è andato a infangare la Sicilia da Giletti e da Giordano – ricorda Mancuso -. Lui il nuovo che avanza? Si tolga i panni da tribuno della plebe e faccia la persona seria se ci riesce. È squallido quando per sedersi in qualche salotto televisivo, baratta la dignità dei siciliani per il proprio tornaconto. I numeri di Forza Italia in Sicilia e nel Mezzogiorno rappresentano la vera differenza insieme al nome Berlusconi. Il resto sono vane ricerche di poltrone che non ci appartengono”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI