Manifesti fascisti a Paternò, Barbagallo (PD): “Il sindaco provveda subito alla rimozione”

Paternò, in provincia di Catania, sarebbe tappezzata da manifesti che richiamerebbero ed esalterebbero la marcia su Roma. Lo denuncia il deputato del PD alla Camera e segretario regionale dei Dem in Sicilia, Anthony Barbagallo.

“Proprio nel giorno in cui la neo presidente del consiglio Giorgia Meloni dichiara alla Camera di essere contro ogni autoritarismo, fascismo incluso – dice -, a Paternò, comune in provincia di Catania che per altro ha dato i natali al neo presidente del Senato, Ignazio La Russa, succede un fatto gravissimo che non può restare impunito”.

“La città infatti è tappezzata da manifesti, anonimi, con due 2 date (28 ottobre 1922-28 ottobre 2022) che ricordano il prossimo anniversario della marcia su Roma, cioè l’avvio di uno dei periodi più bui della nostra nazione, l’avvio del ventennio fascista. E in più la dicitura: un popolo in marcia”.

Infine Barbagallo invita “il sindaco di Paternò a provvedere immediatamente ad oscurare questi manifesti, a tutela dell’amministrazione comunale in primis, visto che l’affissione sembrerebbe essere stata autorizzata dal comune stesso”, conclude.

CARO BOLLETTE, LAGALLA: “NUOVA EMERGENZA ECONOMICA CHE METTE A DURA PROVA LE FAMIGLIE”

MELONI ALLA CAMERA: “IN PRIMA LINEA CONTRO LA MAFIA”. FALCONE: “PAROLE APPREZZATE”

MALTEMPO, LA REGIONE SICILIANA DICHIARA LO STATO DI CRISI PER “ATTIVARE I PRIMI INTERVENTI”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI