mare jonio, ong e salvini ai ferri corti orlando presenterò esposto a corte di giustizia

Mare Jonio, al via nuova missione nel Mediterraneo senza Luca Casarini

È salpata oggi – domenica 14 aprile – da Marsala la nave Mare Jonio di Mediterranea saving humans per un’altra missione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo, dopo l’ultima conclusa a Lampedusa con l’imbarcazione posta sequestro (in seguito dissequestrata) dalla procura di Agrigento e il comandante Pietro Marrone e il capo missione Luca Casarini indagati.

I due, però, non sono a bordo, come spiegato da Casarini: “La seguiremo da terra. Per rispetto dell’inchiesta preferiamo restare a disposizione della magistratura. Ma siamo sereni, non abbiamo nessun problema; è qualcun altro che deve preoccuparsi di finire indagato. Noi siamo sicuri di aver agito con serenità e secondo le leggi che qualcun altro invece ha violato”.

“E se la Mare Jonio -ha proseguito l’ex leader dei Disubbidienti – nei prossimi giorni dovesse effettuare un nuovo intervento di soccorso, faremo come l’ultima volta: noi rispettiamo le Convenzioni internazionali e bisogna dare un porto sicuro ai salvati. La Libia non lo è”.

L’equipaggio è composto da una ventina di persone, tutti italiani tranne un greco. A bordo non c’è l’ex M5S Gregorio De Falco che probabilmente parteciperà a una prossima missione.

Categorie
attualità
Facebook
Video

CORRELATI