prostituzione-minorile

Marsala, giovani romene costrette a prostituirsi: smantellata organizzazione

Un’operazione dei carabinieri della compagnia di Marsala, ha smantellato un’organizzazione che gestiva lo sfruttamento di giovani donne romene costrette a prostituirsi.

Le indagini, coordinate dalla Procura sono iniziate a maggio del 2018 grazie alla denuncia di una delle ragazze sfruttate. La vittima, arrivata a Marsala con la promessa di una sicura occupazione, veniva costretta a prostituirsi.

Il ruolo di capo, secondo le indagini, è stato ricoperto da Costantin Chiciug, romeno, 36 anni, che è accusato di procacciare i clienti, di fissare gli appuntamenti e di contrattare il prezzo delle prestazioni sessuali. Gli incontri con le ragazze non avvenivano soltanto sul territorio marsalese ma anche nei comuni di Salemi, Mazara del Vallo e Favignana. Il prezzo delle prestazioni, che nella maggior parte dei casi veniva interamente trattenuto dall’uomo, variava in media dai 30 ai 50 euro, fino a giungere a 400 euro per un’intera notte.

Nell’organizzazione un ruolo di vertice l’ha avuto anche Florin Chiciug, fratello di Costantin, di 24 anni e la moglie che ha avuto il compito di ricercare le donne per farle prostituire. Il gip ha disposto gli arresti domiciliari per i due fratelli e l’obbligo di dimora per la moglie con la prescrizione di non allontanarsi dalla propria abitazione dalle 20 alle 7. Florin Chiciug non è stato ancora fermato e le ricerche sono in corso.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI