Marsala, tre persone indagate per “revenge porn” dopo le denunce delle vittime

Tre persone, fra i 30 e i 36 anni, sono accusate dalla Procura di Marsala del reato di “Revenge porn”: sarebbe stato commesso in danno di almeno sei giovani donne di Marsala e Petrosino. I tre indagati avrebbero ricevuto e divulgato fotografie delle vittime (ex fidanzate o semplici conoscenti) anche ritratte prive di abiti, pubblicandole senza il loro consenso su un sito pornografico e in chat dedicate allo scambio di materiale sessualmente esplicito.

Le indagini sono state avviate a seguito della denuncia delle vittime, avvisate da un ragazzo di Marsala che, dopo un servizio televisivo, aveva verificato la presenza su un sito pornografico di fotografie di giovani donne del luogo e le aveva avvisate.

Dopo approfondimenti investigativi e accertamenti informatici eseguiti dalla polizia postale, la Procura ha disposto le perquisizioni. E l’analisi dell’ingente materiale sequestrato (smartphone, computer, tablet e altri dispositivi informatici) potrebbe consentire di individuare ulteriori vittime.

AUTO CONTRO BOVINO: DUE MORTI NELLA NOTTE

VITTORIA E CENTURIPE NUOVE “ZONE ROSSE” IN SICILIA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DELL’1 NOVEMBRE 2020

IL BOLLETTINO NAZIONALE DELL’1 NOVEMBRE 2020

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI