Maxi operazione contro una banda di trafficanti di uomini, fermate 14 persone

La Polizia ha fermato 14 stranieri accusati di far parte di un’associazione a delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, all’esercizio di attività abusiva di prestazione di servizi di pagamento e altri delitti contro la persona, l’ordine pubblico, il patrimonio e la fede pubblica. Quattro indagati sono latitanti.

L’indagine ha portato alla scoperta di un’organizzazione criminale, con cellule operanti in Africa, in diverse aree del territorio nazionale e in altri Paesi europei. L’associazione agiva su due fronti diversi: il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria tramite il cosiddetto metodo “hawala”, utilizzato principalmente per il pagamento dei viaggi dei migranti o come prezzo della loro liberazione dai centri lager in Libia.

L’inchiesta costituisce la prosecuzione delle operazioni “Glauco” condotte tra il 2013 ed il 2017 che hanno consentito di identificare decine di trafficanti di esseri umani operanti sulla rotta del Mediterraneo centrale (molti dei quali già condannati anche in via definitiva) e i loro referenti in Italia.

Già nel corso delle indagini precedenti è emerso il ruolo di vertice di Ghermay Ermias – ancora latitante – e proprio dallo sviluppo delle inchieste finalizzate alla sua ricerca è stata ricostruita l’associazione a delinquere che operava tra il Centro Africa (Eritrea, Etiopia, Sudan), i paesi del Maghreb (soprattutto la Libia), l’Italia (Lampedusa, Agrigento, Catania, Roma, Udine, Milano), vari paesi del Nord Europa (Inghilterra, Danimarca, Olanda, Belgio e Germania).

L’indagine è stata svolta dalla Squadra Mobile di Palermo e dal Servizio Centrale Operativo e coordinata dal Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dal Procuratore Aggiunto Marzia Sabella e dai pm Gery Ferrara, Claudio Camilleri e Giorgia Righi.

CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE PER TOTUCCIO MILANO

DEMONTIS PROCURATORE AGGIUNTO, OK DAL TAR DEL LAZIO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI