Maxi-rissa tra 25 persone per questioni familiari, sedici denunce nel Catanese

I Carabinieri di Biancavilla hanno denunciato 16 persone, tra le quali tre minorenni, per rissa aggravata, lesioni personali, minacce gravi e danneggiamento.

È accaduto nella tarda serata quando gli addetti alla vigilanza del pronto soccorso dell’ospedale di Biancavilla avevano richiesto l’assistenza dei Carabinieri a seguito di una maxi rissa tra circa 25 persone, tra le quali tre minorenni, poi rivelatesi perlopiù facenti parte dello stesso nucleo familiare.

La lite sarebbe stata accesa dalla confidenza fatta da una ragazza al proprio compagno il quale avrebbe così appreso delle presunte morbose attenzioni da lei ricevute circa dieci anni prima da parte dello zio. Immediata “l’attivazione” del giovane che, raggiunta l’abitazione di quest’ultimo nei pressi dell’ospedale di Biancavilla, si è scagliato contro di lui prendendolo a pugni.

Successivamente l’uomo, unitamente ai propri nipoti ai quali si era rivolto chiedendo il loro aiuto, avrebbe dato inizio alle “ostilità” recandosi nel quartiere “Ardizzone” presso l’abitazione della “controparte” e qui, tra minacce e richieste di chiarimento, le due fazioni si sono lasciate andare ad una vera e propria disputa senza esclusione di colpi, con l’ausilio di mazze da baseball e manici di scopa, danneggiando anche le autovetture parcheggiate.

Anche i tre minori, il più piccolo tra l’altro di soli nove anni, si sono attivamente impegnati nello scontro e, come tutti, immortalati dagli impianti di videosorveglianza della zona.

MALTEMPO, FORTE VENTO A BAGHERIA: CADONO DUE GROSSI ALBERI, DANNEGGIATA UN’AUTO

MALTEMPO, EOLIE DI NUOVO ISOLATE: FRANE E ALBERI SPEZZATI A LIPARI E VULCANO

MALTEMPO, ALLERTA METEO ARANCIONE NELLA SICILIA ORIENTALE PER IL 27 NOVEMBRE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI