Guardia di Finanza

Mazara, Iva non versata per oltre 430 mila euro: confiscati beni e conti correnti

Un imprenditore di Mazara è stato destinatario di un provvedimento di confisca di beni e conti correnti eseguito dalla Guardia di Finanza su delega della Procura di Marsala: l’accusa è di non aver versato all’Erario oltre 430 mila euro di Iva.

Il mancato versamento al Fisco da parte dell’imprenditore (ex titolare di una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di carni) risalirebbe agli anni 2012 e 2013. Per tale inadempimento, la Corte di Appello di Palermo ha emesso una sentenza di condanna disponendo un provvedimento di confisca.

Nello specifico, il provvedimento ha riguardato due conti correnti intestati alla società e immobili nella disponibilità dell’amministratore in carica all’epoca della commissione del reato.

DROGA: ASSE TRA NAPOLI E PALERMO: 5 MISURE CAUTELARI

PALERMO, SCOPERTI DUE “FURBETTI” DEI RISTORI

ZONA ARANCIONE: COSA SI PUO’ FARE E COSA NO

BANDO OCM VINO IN SICILIA: PUBBLICATA LA GRADUATORIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI