Mediterranea, migranti sbarcati: sequestro penale della nave Alex ed equipaggio indagato

Ieri notte i migranti a bordo della nave Alex sono stati fatti sbarcare. Inoltre, c’è stato il sequestro penale disposto di iniziativa dalla Guardia di Finanza. L’equipaggio, poi, è indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

In seguito a quanto successo il capo missione di Mediterranea Erasmo Palazzotto ha affermato: “Ancora non ci è stato notificato nulla. Siamo assolutamente sereni perché convinti di avere operato correttamente e perchè abbiamo già presentato un esposto alla magistratura. Diciamo che questa volta siamo arrivati prima della Guardia di Finanza”.

“Tutte le indagini nei confronti delle Ong – ha osservato Palazzotto – fino ad ora si sono sempre concluse con un nulla di fatto. E anche le disposizioni contenute nel Dl sicurezza Bis sono state smontate dal Gip di Agrigento Alessandra Vella che non ha convalidato l’arresto della comandante della Sea Watch Carola Rackete. In ogni caso, lo ripeto, noi siamo convinti di essere nel giusto e di avere operato nel rispetto della legge”.

Tuttavia, il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria – ha comunicato in una nota – ha seguito le operazioni di contrasto all’immigrazione clandestina “messe in atto dalla Guardia di Finanza che, in aderenza alle disposizioni di legge e alle direttive ministeriali impartite al riguardo, ha dato attuazione a tutte le prescrizioni necessarie, tra manovre dissuasive e numerose intimazioni di alt, per far rispettare il divieto di ingresso nelle acque territoriali e di attracco al porto della motonave Alex”.

“Tutto ciò – prosegue la nota – si è svolto avendo sempre presente la salvaguardia e l’incolumità delle persone imbarcate e la sicurezza della navigazione che, in questo caso, è apparsa compromessa a causa dell’elevato numero di persone stipate a bordo e in coperta, tali da non consentire ulteriori manovre rispetto a quelle effettuate”. “Quanto accaduto e l’avvenuto attracco a Lampedusa, afferma il ministro, costituiscono i presupposti per l’intervento della magistratura”, conclude la nota.

Aggiornamento, 11.43: È durata quasi 4 ore la perquisizione che la Guardia di finanza ha realizzato, stanotte, sulla barca Alex della Ong Mediterranea. Perquisizione che è stata effettuata dopo lo sbarco di tutti i migranti. Sono stati acquisiti documenti e non è escluso che nelle prossime ore vengano acquisiti anche i video realizzati dai giornalisti che erano a bordo del veliero. L’informativa verrà poi, verosimilmente entro oggi, trasmessa dalle Fiamme gialle alla Procura di Agrigento. Risulta indagato, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, il capitano Tommaso Stella.

Intanto, il ministro Salvini su Twitter: “Ecco una delle tante bugie delle Ong di sinistra: il gommone soccorso non aveva nessun problema”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI