mare jonio indagato il comandante

Mediterranea su Twitter: “54 persone a bordo, chiesto porto di Lampedusa per lo sbarco”

“Nave Alex di Mediterranea sta facendo rotta verso Nord, fuori dalla zona SAR libica. Abbiamo chiesto a ITMRCC Roma l’assegnazione urgente di Lampedusa come porto sicuro più vicino di sbarco per le 54 persone salvate a bordo”.

Lo ha scritto su Twitter Mediterranea Saving Humans.

Nel pomeriggio, sempre su Twitter, la Ong ha scritto: “Felici di aver strappato 54 vite umane all’inferno della Libia. Adesso serve subito un porto sicuro”.

Intanto, un’imbarcazione con 55 migranti è stata intercettata da una motovedetta della Guardia di Finanza e da una della Guardia Costiera a circa due miglia da Lampedusa. I profughi, tra i quali 22 donne e un minore, sono stati portati in salvo nel porto in serata.

L’unità della Guardia di Finanza, V 800, è la stessa che era stata danneggiata la notte del 29 giugno scorso dalla nave Sea Watch nel corso della manovra di attracco alla banchina dopo avere ignorato l’alt delle forze dell’ordine.

La Guardia costiera in un comunicato ha affermato: “In merito al soccorso operato in data odierna in area di responsabilità sar libica dalla barca a vela Alex della ong Mediterranea, si precisa che la Centrale operativa della Guardia Costiera di Roma, ricevuta la chiamata dall’unità ong, ha provveduto a comunicare alla stessa che l’evento sar ricadeva in area sar di responsabilità delle autorità libiche che avevano assunto il coordinamento dell’evento, inviando anche sul posto una motovedetta”.

Aggiornamento, 23.03: “Navighiamo verso nord, in attesa che ci venga data una risposta e ci venga assegnato un porto sicuro dove sbarcare e dove concludere l’operazione di salvataggio. È chiaro che il primo posto che incontri procedendo è Lampedusa, ma è questione di geografia non di opinioni”. Così Alessandro Metz, armatore sociale di Mediterranea, pubblicate sul profilo Twitter della Ong. “Le normative – ha spiegato Metz dicono che la Tunisia non è un porto sicuro. Non è questione di opinioni, ma di normative”.

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI