Messina, scoperta un’impresa nautica sconosciuta al fisco: sequestro per 500mila euro

La Guardia di Finanza di Messina ha scoperto un’impresa nautica totalemente sconosciuta al fisco. È stato disposto, quindi, il sequestro di 520mila euro nei confronti della titolare dell’azienda che opera nel settore delle costruzioni di imbarcazioni sportive e da diporto, evasore totale.

Il provvedimento è stato emesso dal gip di Patti, su richiesta della locale Procura. Si tratta “di un articolato sistema di frode fiscale che ha consentito alla persona indagata di evadere il fisco, in maniera sistematica e reiterata, con notevole pregiudizio per le casse dello Stato”, spiegano le Fiamme gialle, la cui indagine è scaturita dall’incrocio delle informazioni delle banche dati con l’analisi economica del territorio, finalizzate al contrasto del cosiddetto “sommerso d’azienda”, per reprimere i fenomeni di evasione ed elusione fiscale. La successiva attività ispettiva ha consentito ai finanzieri di ricostruire, in capo all’impresa, i ricavi effettivamente conseguiti nelle annualità in cui aveva omesso di presentare la dichiarazione dei redditi.

Nonostante l’indagata non avesse adempiuto all’obbligo di documentazione e contabilizzazione delle cessioni di beni e prestazioni di servizio rese, gli investigatori, grazie all’uso delle banche dati in uso al Corpo, sono riusciti comunque a ricostruire il volume di ricavi conseguiti dall’azienda. La titolare è stata denunciata alla Procura di Patti per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e occultamento delle scritture contabili.

ESTORSIONE E CAPOLARATO NEI CONFRONTI DI UNA ONLUS DI BAGHERIA: TRE DENUNCE

DROGA, SEQUESTRATI 138 CHILI DI HASHISH A PANTELLERIA: ARRESTATI DUE UOMINI E UNA DONNA

DROGA, BLITZ A BAGHERIA: SMANTELLATO IL CLAN CHE RIFORNIVA LE PIAZZE DI PALERMO E TRAPANI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI