Messina, scuole pubbliche e private chiuse fino al 23: ordinanza del sindaco De Luca

A Messina le scuole pubbliche e private non riapriranno in presenza dopo le festività natalizie e rimarranno chiuse almeno fino al 23 gennaio.

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, ha sciolto gli indugi e ha firmato una ordinanza interpretando il sentimento diffuso nella maggior parte della popolazione e ritenendo il provvedimento necessario per il contenimento dei contagi.

Gli istituti scolastici – scrive De Luca nell’ordinanza – devono garantire lo svolgimento delle attività con la didattica a distanza. Una decisione che ha preso forma e sostanza dopo che si è svolta in Prefettura una riunione con i vertici cittadini in cui si è preso contezza dell’aumento vertiginoso dei contagi in tutto il territorio della provincia.

Va aggiunto che la presa di posizione del sindaco messinese è comune a quella di tanti altri sindaci di comuni piccoli e grandi e sostanzialmente va nella direzione chiesta dall’Anci Sicilia al Governo della Regione.

Il commissario straordinario dell’Asp Dino Alagna ha comunicato intanto la decisione di potenziare i posti letto negli ospedali di Messina e provincia di almeno 100 unità.

È probabile che in tutta la provincia venga istituita la zona arancione che già riguarda alcuni Comuni dove sono presenti focolai.

SCUOLA, L’ANCI SICILIA CHIEDE IL RITORNO ALLE LEZIONI IN DAD

BARE INSEPOLTE A PALERMO, IL SINDACO ORLANDO INDAGATO PER OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO

MONSIGNOR LUIGI RENNA NUOVO ARCIVESCOVO DI CATANIA

ASSOLTO L’EX GOVERNATORE DELLA SICILIA RAFFAELE LOMBARDO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI