sorelle napoli

Mezzojuso (Pa), intimidazione contro le sorelle Napoli: danneggiata l’azienda

Nuovo atto intimidatorio nei confronti dell’azienda agricola delle sorelle Napoli di Mezzojuso, molto conosciute in tutta Italia per le minacce subite dalla mafia di cui si è occupata più volte la trasmissione di Massimo Giletti “Non è l’Arena” su La7.

Le sorelle Napoli, secondo la denuncia presentata, hanno trovato ancora una volta le reti delle recinzioni tagliate e una mandria che ha invaso i loro terreni. Si tratta del terzo danneggiamento in tre mesi.

In precedenza era già successo il 3 e 4 settembre, poi ancora il 15 novembre, l’ultimo episodio venerdì scorso. Una delle sorelle è arrivata in azienda e ha trovato alcune mucche nei terreni coltivati. Subito è scattata la segnalazione alla stazione dei carabinieri dei Mezzojuso che dipende dalla compagnia di Misilmeri. E’ stata presentata una nuova denuncia che arriverà sul tavolo della procura di Termini Imerese che coordinano le indagini.  Al Tribunale è in corso un processo che vede imputati tre uomini per i raid avvenuti negli anni scorsi.

Il presidente della Regione Musumeci, a nome della Giunta di Governo, ha espresso “solidarietà e vicinanza a Ina, Irene e Anna Napoli, vittime di una tracotanza che ha il sapore di una sfida. Voglio rassicurare le coraggiose imprenditrici di Mezzojuso che non debbano sentirsi sole. Il mio governo è al loro fianco, a prescindere dall’omertà e dall’atavica indifferenza che accompagna la loro vicenda”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI