Mondello e la protesta social contro il muro che “oscura” il mare. Interviene il Comune

C’è una vera e propria sollevazione popolare sui social per una sorta di muro che coprirà a Palermo la vista del mare di Mondello in un tratto di litorale che è stato dato in concessione all’Esercito. Come recinzione esterna, che poggia sul marciapiede proprio davanti alla spiaggia è stata alzata una recinzione alta circa due metri che impedisce del tutto la vista del mare e che per il suo colore “bianco sporco” sembra fatta con il cemento.

Dal punto di vista architettonico è un obbrobrio, dal punto di vista regolamentare si vedrà se è vero, come recita una nota del Comune di Palermo, che “con riferimento ai lavori in corso su area demaniale a Mondello, di proprietà e competenza della Regione, il vicesindaco Fabio Giambrone e l’assessore al mare e alle coste, Maria Prestigiacomo, hanno richiesto urgenti informazioni alle  autorità competenti, le quali hanno comunicato che è in corso il montaggio temporaneo, a fini di collaudo, di uno stabilimento che, nel corso della prossima estate, andrà a sostituire una struttura installata precedentemente. Giambrone e Prestigiacomo hanno quindi richiesto che, “anche in vista della prossima stagione estiva, tutte le autorità competenti verifichino e vigilino sulla effettiva rispondenza della struttura con le caratteristiche paesaggistiche  di Mondello e con il diritto alla fruizione della spiaggia”.

Insomma, la querelle probabilmente è solo all’inizio e l’intensa (e non certo affettuosa) propaganda sui social farà diventare questo muro un vero e proprio caso. Per tantissimi anni Palermo ha vissuto la polemica per la presenza lungo tutto il tratto di spiaggia che arriva dal Circolo Lauria alla piazza di Mondello di una oscena cancellata di ferro che deturpava il paesaggio e che venne finalmente abbattuta una decina d’anni fa restituendo ai palermitani la completa vista del mare. Ora il muro. Sperando che sia “temporaneo”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI