“Morta al Policlinico dopo una colica”, rinviati a giudizio quattro medici a Palermo

Il Gip del Tribunale di Palermo, Piergiorgio Morosini, ha rinviato a giudizio Francesco D’Arpa, responsabile dell’unità operativa Endoscopica digestiva, Gaspare Gulotta, direttore della Chirurgia generale d’urgenza, e dei medici Salvatore Napoli e Giuseppe Profita, accusati di omicidio colposo per la morte di Rosaria Venutelli, deceduta a 70 anni al Policlinico il 12 dicembre 2017.

L’inchiesta si è sviluppata dopo un esposto dei familiari della donna, rappresentati dall’avvocato Angelo Mangione. Alla paziente, ricoverata per una colica, non sarebbe stata somministrata la terapia antibiotica e non sarebbe stato eseguito l’intervento di rimozione della colecisti.

Secondo la procura di Palermo, la morte di Venutelli avvenne per “imprudenza consistita in particolare nel non aver predisposto, durante il ricovero alla luce dei dati clinici e di laboratorio indicativi di progressiva evoluzione verso uno stato settico con coinvolgimento multiorgano, nuova ed adeguata terapia antibiotica”.

La prima udienza si terrà il 3 marzo del 2021 davanti ala quarta sezione penale del Tribunale.

CORONAVIRUS IN SICILIA, IL BOLLETTINO DEL 6 NOVEMBRE

CORONAVIRUS IN ITALIA, IL BOLLETTINO DEL 6 NOVEMBRE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI