Morte Aldo Naro, confermate tre condanne in appello. I genitori: “Passo per la verità”

La Corte d’appello di Palermo ha confermato tre condanne per rissa aggravata in merito alla morte di Aldo Naro, il giovane medico assassinato nella discoteca Goa di Palermo la notte del 14 febbraio 2015.

Sono stati confermati due anni di reclusione per Giovanni Colombo, Pietro Covello e Mariano Russo, oltre al risarcimento dei danni per le parti civili e al pagamento delle spese. Assolto Francesco Meschisi. “Questa sentenza – affermano i genitori di Aldo, Rosario e Anna Maria – rappresenta un ulteriore piccolo passo verso la verità“.

La lentezza dei processi e delle indagini non ci scoraggiano – continuano – . Continuiamo a pregare e sperare che la giustizia possa trionfare. Una cosa è certa: andremo avanti con la nostra testardaggine e la nostra caparbietà fin quando tutti gli assassini di nostro figlio non saranno condannati”.

I giudici di secondo grado hanno confermato integralmente la sentenza emessa a seguito del giudizio abbreviato da parte del Gup Fernando Sestito, indicando in novanta giorni il termine per il deposito delle motivazioni.

COVID, DUE NUOVE “ZONE ROSSE” IN SICILIA

TRAGICO INCIDENTE STRADALE NEL RAGUSANO: DUE MORTI

MAFIA, ALTRO BLITZ A PALERMO: OTTO ARRESTATI / NOMI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI