Morte Calogero Zucchetto, 39° anniversario: commemorazione a Palermo

Calogero Zucchetto, promettente investigatore della Polizia di Stato, è stato ucciso dalla mafia a Palermo la sera del 14 novembre 1982. Nella ricorrenza del 39° anniversario della sua morte, le più alte cariche, cittadine, della Polizia di Stato, Civili e Militari, hanno ricordato il martirio di quel giovane poliziotto.

Zucchetto, all’inizio degli anni 80, collaborando con investigatori di grande spessore della Squadra Mobile palermitana, quali Ninni Cassarà, condusse importanti e delicate attività d’indagine che avrebbero fornito un importante contributo alla individuazione ed alla cattura di pericolosi boss mafiosi. Pagò con la vita il suo impegno al lavoro e al rispetto della legalità.

Oggi, a 39 anni di distanza, proprio nel luogo di quell’eccidio, all’angolo tra la via Notarbartolo e la via Libertà, luogo ribattezzato “Largo degli Abeti”, le più alte cariche, cittadine, della Polizia di Stato, Civili e Militari, ne hanno ricordato il martirio

Il Questore di Palermo, dr. Leopoldo Laricchia, ha deposto una corona sulla lapide dello sfortunato agente di Sutera (Cl), nel contesto di una cerimonia che è servita a ricordare che chi muore per la giustizia e nell’adempimento del proprio dovere vive nella memoria dei cittadini onesti e degli uomini di buona volontà.

CALTANISSETTA, BIMBO DI UN MESE MUORE PER ASFISSIA: INDAGA LA POLIZIA

COVID, BRUSAFERRO (ISS): “CONTAGI IN AUMENTO. DOBBIAMO INSISTERE SULLA VACCINAZIONE”

CANCELLERI CONTRO LA REGIONE: “NON SPENDE I SOLDI ARRIVATI DA ROMA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI