“Musumeci come Schettino”: dall’opposizione nuovi strali al Governo regionale

Le forze politiche di opposizione all’Assemblea Regionale hanno lanciato nuovi strali al Governo Musumeci, ritenuto inadeguato. Lo hanno fatto nel corso di una conferenza stampa che si è svolta in mattinata a Palazzo dei Normanni.

Il capogruppo del M5S, Nuccio Di Paola, parlando di situazione surreale, si è detto preoccupato per il futuro della legislatura: “Siamo in piena crisi sanitaria ed economica, anche nel settore dei rifiuti siamo in emergenza: tutti problemi che i siciliani stanno vivendo sulla propria pelle. Non è accettabile trovarsi in fase di stallo perché c’é un presidente ferito nell’orgoglio”.

Claudio Fava, deputato di Centopassi e presidente della commissione antimafia regionale, aggiunge: “Mi viene in mente il comandante Schettino: qualcuno dica a Musumeci “Torna in aula, cazzo…”. Non si abbandona il confronto politico in questo modo”.

Giuseppe Lupo, capogruppo Pd, è ancora più netto: “Abbiamo urgenza di capire come si può risolvere la crisi: se non si può risolvere, Musumeci rassegni le dimissioni. Se il GOverno ha la maggioranza vada avanti altrimenti stop, non si può andare avanti con un Governo congelato”.

In conferenza stampa si è anche parlato di strategie politiche in vista delle elezioni regionali previste nel prossimo mese di ottobre. Lupo ritiene che la coalizione saprà esprimere la candidatura giusta e che nessuno “intende imporre candidature e neanche accettare veti”.

Fava, in relazione alla propria candidatura, conferma di essere in corsa. “Non vedo perché dovrei fare un passo indietro, avrebbe il senso di un atto di viltà. Se ci saranno più candidati c’è lo strumento delle primarie”. Il riferimento è alla possibile candidatura di Caterina Chinnici.

Nel centrosinistra il problema principale riguarda le primarie, strumento che non è “consono” ai 5 Stelle, più abituati al voto online su apposita piattaforma. Di Paola comunque non si scompone: “Sono convinto che troveremo insieme un metodo  che unisce e non divide”.

MORTO L’EX DEPUTATO ANTONIO BORROMETI

MESSINA, FINISCE LA PROTESTA DEL SINDACO DE LUCA: “LO STRETTO È STATO LIBERATO”

OMICIDIO CALCAGNO, ARRESTATO L’ASSESSORE AL TURISMO DEL COMUNE DI PALAGONIA

SULLO STRETTO SENZA GREEN PASS: I PRESIDENTI DI SICILIA E CALABRIA FIRMANO L’ORDINANZA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI