aòppello corale al premier la superstrada catania ragusa va fatta

Musumeci: “Anas inadeguata, le nostre autostrade cadono a pezzi” – LA REPLICA

“E’ inconcepibile e irriguardoso che, per l’ennesima volta, l’Anas dimostri di non avere rispetto per la pazienza dei siciliani. Le nostre autostrade continuano a cadere a pezzi nella impotenza di chi dovrebbe assicurarne la piena efficienza”.

Nello Musumeci si sfoga ed è insolitamente duro nelle sue critiche all’Anas, riproponendo al vertice della sua agenda l’emergenza delle strade siciliane, sempre più da terzo mondo. L’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso è il caos determinatosi lungo il percorso alternativo all’autostrada Palermo-Catania, obbligatorio per i mezzi pesanti dopo che il viadotto Cannatello è stato considerato a rischio crollo. Il protrarsi delle operazioni di soccorso di un tir, andato fuori strada, ha costretto ieri decine di altri autisti a passare la notte all’addiaccio.

“Ho grande rispetto per i vertici siciliani dell’azienda di Stato – aggiunge Musumeci – ma a Roma debbono capire che nell’Isola siamo stanchi della politica del “rappezzo”, un modus operandi che non ha né capo né coda, che denuncia una totale mancanza di strategia e che vive soltanto di soluzioni tampone, rivelatesi spesso inadeguate e rischiose”.

Voglio escludere la mala fede – aggiunge Musumeci – ma, proprio per questo, non posso che ribadire, ancora una volta, l’assoluta inadeguatezza dell’Anas ad affrontare e risolvere problemi infrastrutturali provocati da almeno quarant’anni di mancata manutenzione. E’ arrivato il momento che questa lunga stagione di colpevole incuria si chiuda per sempre e che, con urgenza, comincino ad arrivare quelle risposte che lo Stato deve alla Sicilia”.

Alle dure parole del Governatore replica subito l’Anas che nega con fermezza di perseguire una politica “del rappezzo”. Anzi, l’Anas precisa che la Direzione Operation nazionale e la direzione regionale siciliana di Anas hanno predisposto fin dal 2017 un piano di manutenzione straordinaria dell’A19 articolato e completo che prevede investimenti pari a 850 milioni di euro lungo tutta l’arteria, in parte già eseguiti, e più in generale, un piano di manutenzione programmata di tutta la rete stradale siciliana per il quale sono previsti 1,1 miliardi di euro, dei quali circa 180 milioni in interventi già attivi e 600 milioni per interventi di prossima attivazione”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI