musumeci risponde alle opposizioni

Musumeci: “So come si governa senza maggioranza. Basta pregiudizi e rancori”

“So come si governa senza maggioranza, l’ho già fatto nel ’94 alla Provincia di Catania. Ho lanciato decine di appelli alla collaborazione delle opposizioni. Ma sembra un discorso ai sordi. Cancelleri mi invita a sederci a un tavolo e scrivere assieme le cose da fare? Per me va bene, scriviamo assieme le cose da aggiungere a un contratto che già c’è e al quale certo non posso rinunciare. Io sono qui. C’è o no la volontà di sedersi attorno a un tavolo, senza inciuci ma con senso di responsabilità? Basta assetti di guerra, pregiudizi, rancori”.

A dirlo, in un’intervista rilasciata all’edizione palermitana di Repubblica è il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci. “Se sono pronto a fare entrare la Lega in giunta? La Lega ha un solo deputato. La logica dei numeri e non un capriccio la esclude in questo al momento dal governo”, ha sottolineato il governatore, che ha aperto all’ipotesi rimpasto. “Sì, è probabile che ci sarà qualche modifica all’interno della giunta e fra i dirigenti generali”.

DIVENTERÀ BELLISSIMA ALLE EUROPEE? – Si dice che Diventerà bellissima non parteciperà alle Europee, Musumeci precisa: “Siamo nati per essere un movimento regionale, oggi ci rendiamo conto che serve guardare oltre lo Stretto. Ci sono due soluzioni: DB può federarsi con un partito nazionale o essere parte costituente di un nuovo soggetto politico che parte dal territorio, con modello autonomista. Decideremo nel congresso, a Catania, il 24 febbraio”. Ripercorrendo il primo anno trascorso alla guida della Regione, Musumeci ribadisce che “il primo lavoro che ho dovuto fare, a Palazzo d’Orleans, è stato quello di rimettere in sesto la macchina Regione: vi sembrano poca cosa l’autorità di bacino, il piano per i rifiuti, per l’inquinamento acustico, il piano alliuvioni, il piano dell’aria e dell’amianto? Come si spendono le risorse se non si hanno gli strumenti di pianificazione adeguati? Mi si accusa di lentezza ma – ha concluso Musumeci – ho scoperto che dopo 30 anni le dighe della Regione non sono ancora collaudate…”.

SINDACI E GOVERNATORI CONTRO IL DECRETO SICUREZZA – “Più si avvicinano le Europee, più temo che queste iniziative siano solo propaganda. Sindaci e governatori siano i garanti dell’applicazione della legge, altrimenti favoriscono l’anarchia”. Così Nello Musumeci, parlando fronte guidato da Leoluca Orlando in rivolta contro il decreto sicurezza. “Il fronte populista a cui guardano Orlando, Micciché e Faraone? Credo che la geografia politica meriti rispetto. Il centrodestra faccia il centrodestra e così il centrosinistra, i grillini facciano il loro mestiere. La Sicilia ha bisogno di un grande fronte per rilanciare lo spirito dell’autonomia, per avere credibilità al tavolo col governo nazionale. Questo fronte può riproporre il perimetro politico che oggi sostiene il governo della Regione. Nell’area moderata c’è un grandissimo vuoto che può esser colmato solo dalle forze del centrodestra. Ogni altro progetto rischia di apparire poco coerente”.

Categorie
politica
Facebook
Video

CORRELATI