Nave con 20 tonnellate di hashish: condannati il capitano e l’equipaggio della “Remus”

Complessivi 81 anni di reclusione. Questa l’entità delle condanne emesse dal gup di Palermo Michele Guarnotta al capitano e all’equipaggio della nave battente bandiera panamense, Remus, che venne sequestrata ad agosto del 2018, dalla Finanza, in acque internazionali con un carico di 20 tonnellate di hashish. Gli 11 imputati, tutti di origine montenegrina, erano accusati di traffico internazionale di droga e sono stati processati in abbreviato.

Sono stati condannati a 6 anni di carcere e 66mila euro di multa: Ugljesa Kovacevic, Vladimir Zivkovic, Srdan Matijevic, Stanko Tomicic, Milan Kovacevic, Dragolijub Mrgudovic, Vladimir Lipovina, Bodizar Barovic. Condanna a 9 anni e 100 mila euro di multa: Ljumbomir Bakocevic, Borozan Marko, Vladimir Latkovic.

La nave, partita dal Las Palmas, in Spagna, e diretta a Tezla, in Turchia, venne fermata dalle Fiamme Gialle e condotta nel porto di Palermo. Nei locali in cui erano conservate le scorte di carburante vennero trovati 650 sacchi con la sostanza stupefacente che aveva un calore di circa 200 milioni di euro. Il comandante e l’equipaggio vennero arrestati e sono tuttora detenuti. Per svuotare la Remus dal carico la Finanza e i vigili del fuoco impiegarono due giorni. Prima di essere bloccata l’imbarcazione aveva fatto una sosta ad Augusta.

L’inchiesta della Procura di Palermo, che portò al sequestro, fu frutto di una attività di intelligence e analisi delle rotte seguite dall’imbarcazione, costantemente tenuta sotto controllo da aerei e pattugliatori d’altura della Finanza. Durante la navigazione in acque internazionali nei pressi delle coste nord africane, la Remus spense ripetutamente il trasmettitore per nascondere la sua posizione. La difesa degli imputati ha sostenuto che la droga era stata caricata sulla terraferma e che fosse stata piazzata nell’imbarcazione a insaputa dell’equipaggio. Durante la navigazione il mare forza sei e onde alte 4 metri, secondo i legali, non avrebbero consentito di portare a bordo lo stupefacente. Ma la tesi non è stata accolta dal gup.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI