Ragusa, neonato abbandonato: il Dna conferma. È figlio dell’uomo che finse di trovarlo

Il Dna conferma che il padre del neonato Vittorio Fortunato è il commerciante che il 4 novembre scorso inscenò il ritrovamento del piccolo. La Procura di Ragusa ha chiesto per lui il giudizio immediato: dovrà rispondere di abbandono di minore.

L’uomo ha sempre respinto l’accusa di abbandono, ritenendo di non aver mai abbandonato realmente il neonato ma solo inscenato il tutto. È ancora al vaglio degli inquirenti, invece, la posizione della madre, che è indagata per concorso in abbandono. Il commerciante ragusano, raccogliendo la richiesta di aiuto della ex compagna, si era recato a Modica dove trovò la donna aveva appena partorito il piccolo nella sua abitazione.

Sulle base delle sue dichiarazioni, l’uomo decise di inscenare l’abbandono e il ritrovamento proprio davanti alla sua macelleria, a Ragusa, in via Saragat, ritenendo questa la via più breve per fare intervenire i soccorsi e trasferire il neonato in ospedale. Il bambino fu trasferito al Giovanni Paolo II, dove gli furono prestate le prime cure. Dal 20 novembre il piccolo è stato affidato in pre adozione a una famiglia siciliana.

PEDOPORNOGRAFIA ONLINE: 25 INDAGATI A CATANIA, 15 SONO MINORENNI

PALERMO, L’EX CALCIATORE VASARI TORNA LIBERO

I “CONTI” DELLA REGIONE: MANCANO I SOLDI PER I RISTORI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI