espresso rivela zingaretti indagato da procure roma e messina

Nicola Zingaretti nuovo segretario Pd. Buona affluenza anche al Sud

Sarà Nicola Zingaretti il nuovo segretario nazionale del Pd con una percentuale vicina al 70%. È questo il responso delle primari del Pd che si sono celebrate domenica in tutta Italia dalle 8 alle 20.00. L’affluenza è stata di circa un milione e 700 mila di elettori, secondo quanto annunciato dal presidente della Commissione per il congresso, Gianni Dal Moro. Una affluenza abbastanza omogenea da Nord e Sud, dicono dall’organizzazione, che ha soddisfatto i protagonisti.

A urne chiuse, ancora in assenza di proiezioni, era già dato per scontato che Zingaretti aveva vinto. Roberto Giachetti, uno dei tre candidati, comunica in un tweet di avere già telefonato a Zingaretti. “Ho appena chiamato Nicola Zingaretti, che sarà il prossimo segretario del PD per complimentarmi per il suo risultato ed anche per il risultato della partecipazione alla quale abbiamo contribuito tutti #altrochemacerie”.

Anche Maurizio Martina, l’altro sfidante, si è complimentato con Zingaretti. “Buon lavoro @nzingaretti, buon lavoro Segretario! Contento di avere contribuito a questa bellissima giornata. Da oggi sempre più #fiancoafianco nel PD per l’Italia”. Resta ora da capire i dati definitivi per dare una precisa misura alla vittoria di Zingaretti che è comunque molto ampia.

Non sono mancate le polemiche in Sicilia dove da più di un Comune si sono levati cori di protesta. Tuttavia, il segretario regionale Faraone si è mostrato soddisfatto. “Una straordinaria giornata di democrazia e di partecipazione” Secondo Faraone “gli elettori tornano ad avere fiducia nel Partito Democratico e lo considerano l’unica vera forza alternativa ad un governo Lega-M5S che sta massacrando l’economia bloccando i cantieri, che arretra sul tema dei diritti delle persone e della solidarietà e che, soprattutto, tenta di tagliare le gambe al Sud. Dobbiamo guardare a questo popolo, a quello che scende in piazza contro il razzismo e per i diritti, a chi è disoccupato e cerca un lavoro vero e non un assegno di mantenimento, a chi crede che l’Italia non merita un governo di incompetenti e razzisti che ci sta isolando in Europa e nel mondo. Avanti Sicilia!”.

Si chiude così una pagina importante nella vita del Partito Democratico che deve trovare la strada della riunificazione interna dopo anni di liti che hanno contribuito a depauperare il patrimonio elettorale.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI