“Non ci fu corruzione”: le motivazioni della Cassazione sull’assoluzione del giudice Sidoti

Sono state depositate le motivazioni della sentenza della sesta sezione penale della Cassazione (presidente Anna Petruzzellis, relatore Andrea Tronci) che ad aprile aveva annullato senza rinvio la condanna del giudice Giuseppe Sidoti che – come l’ex presidente del Palermo Giammarva – aveva subito una sospensione di un anno dalle funzioni, poi ridotta a sei mesi dal tribunale del Riesame.

Sia Giuseppe Sidoti che Giovanni Giammarva (commercialista, all’epoca presidente del Palermo) hanno dunque ottenuto completa riabilitazione. In sostanza. la Cassazione ha confermato che la sentenza con cui è stata rigettata l’istanza di fallimento nei confronti della Palermo calcio era congrua (tra l’altro collegiale) e che non si ravvisano reati di corruzione nei successivi comportamenti di Sidoti e Giammarva che invece, secondo l’accusa, avrebbe fatto “regalie” al giudice, successivamente alla decisione del tribunale.

La Cassazione ha sostanzialmente accolto i motivi presentati nel ricorso dagli avvocati della difesa Monica Genovese e Matias Manco che avevano tra l’altro contestato la legittimità delle intercettazioni telefoniche e ambientali e della loro utilizzazione nel processo.

In effetti, come ricostruisce il quotidiano sportivo online Stadionews.it, il processo davanti ai giudici di Caltanissetta ha avuto “origine da una intercettazione tra l’imprenditore Zamparini e il suo avvocato Di Trapani, dalla quale si evinceva che il legale aveva lungamente interloquito con il giudice Sidoti. Da qui il trasferimento degli atti a Caltanissetta e le successive intercettazioni telefoniche e ambientali, ritenute illegittime dalla Cassazione perché originate da un eventuale reato di abuso d’ufficio (e non di corruzione), reato per il quale non sono previste le intercettazioni. Tra l’altro la Cassazione ha escluso anche l’abuso d’ufficio in relazione a quella originaria telefonata tra Zamparini e Di Trapani”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI