Nubifragio a Pantelleria, frane e strade distrutte. Il sindaco: “Non siamo preparati”

Nubifragio a Pantelleria. Dalla serata di mercoledì 27 ottobre e per tutte la notte sono caduti 148 mm di pioggia, in pratica il 30% della pioggia che cade in un anno sull’isola. Il Comune fa sapere che si sono registrate frane, smottamenti, crolli, allagamenti, strade distrutte, interruzioni di energia elettrica e collegamenti internet, addirittura barche affondate. Non ci sono stati feriti.

Il sindaco, Vincenzo Campo, ha annunciato la richiesta di stato di calamità naturale: “L’emergenza è estesa a tutto il territorio di Pantelleria. Un evento di tale portata non è mai successo prima, c’erano state in questi anni delle bombe d’acqua, ma mai di questa portata. Pantelleria non è preparata a questo tipo di eventi“.

“Un’isola che ha sempre avuto penuria d’acqua, in cui nei secoli la flora si è adattata a ricavare acqua dalla brina e ora, all’improvviso, si ritrova sommersa e rischia davvero di affogare – continua – . Il problema, inoltre, si presenterà ancora quando finalmente tornerà il sole, perché asciugandosi l’acqua potrà causare ulteriori smottamenti e caduta di muretti. Chiederemo anche questa volta al Governo regionale di dichiarare lo stato di calamità naturale, perché da sola l’isola non può farcela. Ancora aspettiamo risposte sulla richiesta fatta per la tromba d’aria del 10 settembre. Ci auguriamo che la Regione e il Presidente Musumeci si ricordi veramente di noi e delle nostre difficoltà”.

SCORDIA, RITROVATO IL CORPO ANCHE DELLA DONNA DISPERSA

MALTEMPO, NOTTE DI TREGUA MA RESTA LA PAURA PER IL CICLONE

ALLERTA ARANCIONE IN SICILIA ORIENTALE PER LA GIORNATA DI OGGI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI