trapani birgi musumeci risponde ad angius

Nuovo presidente del CdA dell’Airgest. Salvatore Ombra aveva già ricoperto il ruolo 

Una nuova governance per l’Airgest, la società di gestione  dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi. Il nuovo presidente del Consiglio di amministrazione, per decisione  dell’assemblea degli azionisti, è Salvatore Ombra, 54 anni, imprenditore marsalese è stato già a capo del cda di Airgest dal luglio del 2007 al gennaio del 2012.

Prende il posto Paolo Angius dimessosi lo scorso 6 agosto. Rimangono in carica i consiglieri Carmela Madonia e Saverio Caruso. Per il collegio sindacale Gerlando Piro, Carolina Cucurullo e Antonino Galfano.

“Ho accettato la sfida perchè sono legato ad Airgest che ho visto crescere. Certo, le condizioni di oggi dell’aeroporto – ha detto il nuovo presidente – non sono quelle del 2012 che ci hanno permesso di sfiorare due milioni di passeggeri. Grazie al duro lavoro sarà possibile vincere la partita ma solo se le istituzioni, i deputati, i sindaci, la Camera di commercio, gli operatori del territorio, le associazioni di categoria ed anche i comitati spontanei saranno compatti e convinti al nostro fianco”.

“Per l’aeroporto ‘Vincenzo Florio’ di Trapani-Birgi inizia una nuova fase che sarà determinante per la piena riattivazione dell’aerostazione. Esprimo il mio apprezzamento per l’attenzione che il presidente della Regione Musumeci e il Governo siciliano hanno voluto dimostrare con la nomina dei nuovi vertici di Airgest spa. Si è voluto dare credito a un imprenditore qual è Salvatore Ombra che si è proposto per questa nuova missione, mettendoci la faccia e facendo valere l’esperienza maturata nel passato, quando con Turano presidente della Provincia di Trapani lo scalo di Birgi raggiunse la straordinaria quota di quasi 2 milioni di passeggeri”.

Così Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana, che aggiunge: “Siamo tutti consapevoli che quei tempi e quelle condizioni non si potranno ripetere ma siamo fiduciosi nel coraggio e nell’intraprendenza di chi da imprenditore è abituato a rischiare, guardando oltre. Spero vivamente che si possa far rinascere il nostro aeroporto, sapendo che anche noi deputati continueremo a fare la nostra parte, così come abbiamo sempre fatto, subendo tra l’altro le ingiustificate accuse di chi si diletta solo nella critica e non ha mai saputo fare alcuna proposta”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI