Nuovo processo per Veronica Panarello, è accusata di avere minacciato di morte il suocero

Nuovo capitolo giudiziario per Veronica Panarello, già condannata definitivamente a 30 anni di reclusione per l’omicidio del figlio Loris di 8 anni.

Davanti al Tribunale monocratico di Catania, è iniziato un processo per minacce che rappresenta un’appendice al processo centrale: la nuova questione riguarda le minacce di morte che la donna, il 5 luglio del 2018, rivolse al suocero, Andrea Stival, a conclusione della lettura della sentenza con cui la Corte d’assise d’appello di Catania confermava quella di primo grado emessa dal Gup di Ragusa per l’omicidio del piccolo Loris.

“Sei contento? Sai cosa ti dico – gli urlò in aula -, prega Dio che ti trovo morto perché altrimenti ti ammazzo con le mie mani quando esco“. L’imputata è presente in aula. La donna è anche a processo a Ragusa per calunnia nei confronti del suocero che ha accusato di essere l’autore del delitto per il timore che Loris svelasse al padre della presunta relazione della madre con il nonno.

Il processo è stato rinviato preliminarmente al 19 giugno affinché sia incardinato dal competente presidente del Tribunale monocratico. In aula erano presenti il padre di Veronica Panarello, il difensore della donna, l’avvocato Francesco Villardita, e il penalista Francesco Biazzo che assiste Andrea Stival che nel processo è parte lesa.

“Una traduzione da Torino, dove è detenuta – ha commentato l’avvocato Villardita – che non è servita ad alcunché. Speriamo che rimanga qualche giorno nell’istituto penitenziario di piazza Lanza a Catania in modo da poterla andare a trovare per un colloquio. Non ci vedevamo da tempo. Oggi abbiamo avuto modo di scambiare qualche parola e l’ho trovata in discrete condizioni”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI