Nuovo raid vandalico in una sede scout nel catanese: danni e furti a Belpasso

Dopo gli episodi di Marsala (Trapani), Mineo (Catania) e, una settimana addietro, di Ramacca (Catania), un’altra sede siciliana degli scout dell’Agesci, quella di Belpasso, in provincia di Catania, è stata oggetto di un raid vandalico. A darne notizia il quotidiano ‘La Sicilia’ di Catania.

La sede presa di mira non è quella nel centro del paese dove si riunisce il gruppo di Belpasso II ogni settimana ma quella che utilizza la domenica per diverse attività. Si trova in una zona isolata nei pressi della Strada Provinciale 72 dell’Etna, non molto lontano da Piano Bottara. Il capo scout Domenico Rapisarda domenica scorsa ha ricevuto la notizia con una telefonata da un passante che era in zona.

Giunto sul posto, ha trovato un grosso foro in un muro da cui qualcuno è entrato all’interno per distruggere i sanitari, portare via la rubinetteria e asportare gli infissi ed i fili della luce. Dalla cucina sono stati portati via un grosso fornello portatile e altri utensili. I fatti sono stati denunciati ai carabinieri dal parroco della chiesa di Borrello, padre Angelo Lello.

“La nostra legge scout – dice Rapisarda – ci insegna ad affrontare la vita. Abbiamo imparato a sorridere e cantare anche nelle difficoltà. Le nostre attività on si fermeranno. Siamo solidali con gli altri gruppi che hanno subito episodi simili ma chiediamo rispetto per ciò che ci appartiene e che con grande spirito di volontariato noi ci impegniamo a custodire”. “Quella sede – aggiunge – è logisticamente importante perché per noi è una base di partenza per campi e pernottamenti. Serve anche ad ospitare diversi gruppi di scout e di altre associazioni che da lì partono alla scoperta della nostra Montagna”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI