Tragico sbarco a Lampedusa: sette migranti morti, la Procura apre un’inchiesta

Ancora morti sul mare di Lampedusa. Nella nottata, un barcone con 280 persone a bordo, in arrivo dal Bangladesh ed Egitto, è approdato sull’isola ma sono stati trovati sette migranti morti, probabilmente per ipotermia. Le vittime sono tutti giovani bengalesi.

Sulla vicenda la Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta, a carico di ignoti, sull’ennesima tragedia del mare. Per il procuratore capo Luigi Patronaggio e l’aggiunto Salvatore Vella si configura morte o lesioni come conseguenza di altro delitto legato al reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

“Ancora una tragedia, ancora una volta piangiamo vittime innocenti – afferma il sindaco di Lampedusa, Totò Martello – . Noi continuiamo a fare la nostra parte tra mille difficoltà, nonostante il governo italiano e l’Europa sembrino aver dimenticato Lampedusa e i lampedusani. Ma non possiamo andare avanti da soli ancora per molto”.

I 280 migranti sbarcati sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola, dove erano già presenti 365 ospiti. Gli immigrati, al momento, alloggiati nella struttura di primissima accoglienza sono saliti a 645, a fronte dei 250 posti disponibili.

CATANIA, IL SINDACO SALVO POGLIESE DI NUOVO SOSPESO: “DECISIONE INASPETTATA”

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, LE QUOTE DEI BOOKMAKERS

CONCORSI ALLA REGIONE, BARBAGALLO: “ENNESIMO PASTICCIO”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI