seawatch-nave-sequestrata-malta

Odissea (quasi) finita, premier Conte: “Accordo raggiunto, ok allo sbarco dalla Sea Watch”

L’odissea dei 47 migranti a bordo della Sea Watch, nave ONG battente bandiera olandese, al largo di Siracusa e in mare da 12 giorni, sta per concludersi.

Il premier Giuseppe Conte, infatti, ha annunciato che “fra qualche ora inizieranno le operazioni di sbarco”, sottolineando che “si è aggiunto anche il Lussemburgo e lo ringrazio. Siamo con l’Italia 7 Paesi”, Germania, Francia, Portogallo, Romania e Malta.

Dal canto suo, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato: “Missione compiuta! Ancora una volta, grazie all’impegno del governo italiano e alla determinazione del Viminale, l’Europa è stata costretta a intervenire e ad assumersi delle responsabilità. Sei Paesi hanno accettato di accogliere gli immigrati a bordo della Sea Watch3, coordinandosi con la Commissione europea: si tratta di Francia, Portogallo, Germania, Malta, Lussemburgo e Romania”, auspicando che “in base alla documentazione raccolta, venga aperta un’indagine per fare chiarezza sul comportamento della Ong”.

Da ricordare, poi, che ieri la Corte di Strasburgo ha chiesto all’Italia di “prendere il prima possibile tutte le necessarie misure” per assicurare alle persone a bordo della Sea Watch “cure mediche adeguate, cibo e acqua” oltre che “tutela legale” per minori non accompagnati.

Sul carro dei vincitori anche Davide Faraone, segretario PD Sicilia che, su Facebook ha scritto: “Missione compiuta. Gli ostaggi di Salvini e Di Maio stanno per essere liberati. Grazie a tutti i parlamentari del Pd che hanno partecipato alla staffetta democratica, grazie al sindaco di Siracusa e alla sua comunità. La solidarietà vince. Ora chiediamo che si faccia chiarezza sul comportamento di Salvini. Abbiamo fatto un esposto in procura”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI