Antonino Agostino e la moglie Ida Castelluccio.

Omicidio Agostino: i familiari citano l’ex poliziotto Paolilli per furto di verità in sede civile

Furto di verità. È l’accusa che i familiari dell’agente Nino Agostino, ucciso il 5 agosto 1989 insieme alla moglie, Ida Castelluccio, incinta, a Villagrazia di Carini, rivolgono in sede civile all’ex poliziotto Guido Paolilli, che nell’inchiesta su un delitto ancora irrisolto fu indagato per favoreggiamento aggravato. Tale procedimento è ormai archiviato e chiuso per prescrizione, ma il padre e le sorelle della vittima, che da anni combattono per sapere la verità sulla morte del familiare, non si arrendono e chiedono 50 mila euro a Paolilli che, secondo loro, avrebbe depistato le indagini distruggendo documenti relativi al caso.

Paolilli, da anni in pensione, è comparso davanti al giudice civile di Palermo per rendere conto di una frase intercettata durante l’indagine, ancora rimasta oscura. “Ho distrutto una freca (una massa, ndr) di carte”, diceva al figlio durante una trasmissione tv in cui si parlava del delitto (non sapendo di essere ascoltato dagli investigatori). Oggi si è però giustificato sostenendo che il riferimento sarebbe a vecchi documenti, che nulla avevano a che fare col caso.

Il magistrato deciderà nelle prossime settimane se approfondire l’istruttoria o emettere la sentenza. All’udienza ha preso parte il padre di Agostino che da anni cerca di sapere cosa sia accaduto al figlio. Per l’omicidio sono indagati i boss Nino Madonia e Gaetano Scotto, ieri tornato in cella (insieme ai suoi fratelli) per un’altra indagine, e Francesco Paolo Rizzuto, amico della vittima, accusato di favoreggiamento. La procura aveva chiesto per loro l’archiviazione, ma la procura generale ha avocato l’indagine e notificato ai tre l’avviso di conclusione dell’inchiesta, atto che precede la richiesta di rinvio a giudizio.

In uno dei decreti di archiviazione a carico di Paolilli il gip scrisse: “Le risultanze istruttorie dimostrano come l’indagato abbia contribuito alla negativa alterazione del contesto nel quale erano in corso di svolgimento le investigazioni inerenti all’omicidio di Antonino Agostino e Ida Castelluccio”. E ancora che Paolilli “non ha offerto interpretazioni alternative” su quella “gravissima affermazione”, la stessa contestata oggi dal giudice civile, ed anzi, “con dichiarazioni palesemente irricevibili”, ha negato di averla mai resa. Versione che l’ex poliziotto oggi ha cambiato.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI