Omicidio di Camporeale, il padre della vittima: “Non voglio vendetta, credo nella giustizia”

“Non voglio vendetta, non ne voglio per mio figlio. C’è il Signore e la giustizia. Io credo nella giustizia”. Queste le parole del padre di Benedetto Ferrara, il giovane di 26 anni ucciso a Camporeale giovedì sera dal 28enne Michele Mulé (che ha confessato). Il fermo del giovane è stato convalidato ieri dal Gip.

Oggi la salma è arrivata a Camporeale, dopo che è stata eseguita l’autopsia. Ad accoglierla la famiglia, il sindaco Luigi Cino e tanti amici in lacrime. “Ci sono tanti giovani ad accoglierlo – dice il sindaco – Benny amava la vita. Adesso stiamo verificando con le autorità come svolgere i funerali. Lo decideremo nel pomeriggio”.

Il delitto ha uno sfondo passionale e sarebbe originato da motivi di gelosia. Mulè riteneva che Ferrara stesse importunando la sua ragazza, che aveva lasciato Ferrara per poi fidanzarsi con Mulè. L’accusa per Mulè è omicidio volontario. Dopo i primi accertamenti era stato trasferito nel carcere palermitano di Pagliarelli.

AMMINISTRATIVE: URNE APERTE IN SICILIA PER I BALLOTTAGGI 

SCIAME SISMICO IN PROVINCIA DI ENNA: ALMENO 20 SCOSSE DI TERREMOTO

CORONAVIRUS: IL BOLLETTINO DELLA SICILIA (17 OTTOBRE)

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI