Open Arms, Matteo Salvini a Palermo per il processo: prossima udienza il 21 gennaio

Matteo Salvini è tornato a Palermo per l’udienza del processo Open Arms. L’allora ministro dell’Interno è imputato di rifiuto di atti d’ufficio e sequestro di persona per aver impedito alla nave della Ong catalana di attraccare con 147 migranti soccorsi in mare.

Nell’aula bunker del carcere Pagliarelli è stato interrogato Sergio Liardo, capo del terzo reparto del Comando generale delle capitanerie di Porto. “Non c’è mai stato un pericolo per la sicurezza dei migranti a bordo della Open Arms – ha detto – . I migranti sono sempre stati assistiti e quando ci sono stati particolari motivi di salute i migranti sono stati sbarcati”. L’ammiraglio Liardo ha risposto alle domande dell’avvocato di Salvini, Giulia Buongiorno.

Sono sereno di aver fatto il mio dovere e quello che gli Italiani mi hanno chiesto con il loro voto: A TESTA ALTA”, scrive su Facebook Matteo Salvini. Al termine dell’udienza ha poi affermato: “I numeri dicono che ho dimezzato i morti, il numero degli sbarchi, dei problemi e dei costi. Abbiamo salvato vite, arrestato spacciatori e delinquenti. A Lampedusa sono sbarcati terroristi che hanno fatto attentati in giro per l’Europa. Quindi penso di aver dignitosamente svolto il mio lavoro da ministro“.

“Stiamo parlando di una nave spagnola che ha raccolto migranti in acque libiche, ha gironzolato 15 giorni per il Mediterraneo, che ha rifiutato di andare in Tunisia, a Malta e in Spagna – ha aggiunto – e di venire in Italia infrangendo le leggi, e a processo ci va il ministro che ha difeso il suo Paese. Siamo veramente su “Scherzi a parte”…“.

Si svolgerà il 21 gennaio 2022 la prossima udienza. Le successive sono in programma il 4 marzo, l’8 aprile e il 6 maggio, tutte a Palermo. Ad annunciare il calendario il presidente del Tribunale di Palermo, Roberto Murgia, al termine dell’udienza odierna.

TRAGEDIA SFIORATA A TERRASINI, CROLLA UNA UNA PALAZZINA DISABITATA: NESSUN FERITO

RAGAZZO UCCISO A NOTO: FERMATO UN UOMO DAI CARABINIERI

CASTELBUONO, MALTRATTAMENTI IN UNA CASA DI CURA: 35 INDAGATI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI