morte-lavoro

Operaio muore schiacciato da una lastra di marmo: datore di lavoro colpevole

Due anni di reclusione, pena sospesa oltre al pagamento delle spese legali. Questo quanto stabilito dal giudice, il dott. Giancarlo Caruso, all’udienza celebrata presso il Tribunale di Trapani riguardante la morte di Francesco Cardella, operaio 48enne di Custonaci, che perse la vita nel 2013 schiacciato da una lastra di marmo.

Si conclude così, dopo cinque anni, il processo che ha visto imputato S.G., 83enne residente a Custonaci, legale rappresentante della ditta Santoro Marmi S.r.l., che è stato quindi condannato. I familiari della vittima sono assistiti da Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in materia di risarcimento danni e responsabilità civile con sedi ad Agrigento e Catania, che assieme all’avv. Giuseppina Messina del foro di Catania li ha accompagnati durante il complesso iter processuale.

PALERMO, SEQUESTRATO UN PANIFICIO ABUSIVO A BORGO VECCHIO

AFIA, IMPORTANTE BLITZ NELL’ENNESE

NUOVI CONTAGI, PALERMO SOTTO SOGLIA “ZONA ROSSA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI