Orlando a Salvini: “Rispetti la Costituzione, i migranti non sono cose”

Leoluca Orlando risponde a Matteo Salvini. Il sindaco di Palermo, partecipando alla manifestazione di solidarietà al
centro Padre nostro, nel quartiere Brancaccio, ha commentato con sarcasmo la provocazione del ministro dell’Interno, che affermava che “Orlando sarà il prossimo a fare gli scatoloni”.

Il primo cittadino afferma: “Invito il ministro Salvini a non avere paura, ad avere cura delle sue competenze, della Costituzione e a rispettare chi è eletto e rieletto democraticamente anche se sostiene che siamo tutti persone e che i migranti non sono né cose né strumenti per raccattare qualche voto”.

Dopo l’appello ai colleghi sindaci a diventare “partigiani della Costituzione”, Orlando sottolinea poi con soddisfazione: “L’adesione è arrivata da tutte le piazze d’Italia; partigiani della Costituzione è il modo migliore per mettere insieme l’impegno di lotta contro la mafia e l’impegno di lotta contro il nazifascismo che sono i fondamenti dei principi sanciti dalla Costituzione”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI